Essere finalmente vecchi.

122739162-664eb798-b392-4118-b1db-0363b153244c

Ieri sera ho avuto un’epifania davanti allo specchio.

Mi sono sentito un po’ come Vitangelo Moscarda, ma senza moglie, senza naso storto, senza Pirandello e relativi patemi d’animo.

Intendo dire che vedo la mia immagine che sta cambiando.
Sto invecchiando.
Sarà il mio ruolo sociale di prof. precario, sarà che mi lavo i denti con l’acqua tiepida o i miei pantaloni verde minestra.
Vedo una maggiore maturità nei miei tratti, sempre più rughe d’espressione.

Al contrario di Vitangelo sono felicissimo, non mi sento come un cane a cui hanno appena pestato la coda.

-Il volto della Gruber dopo Mentana su la7 mi ripugna-

Vedo gli ultimissimi strascichi dell’età puberale che finalmente abbandonano il mio corpo, inizio ad avere dolori casuali alla schiena, che gioia.

Tutti giovani, tutti perfetti e i cimiteri deserti perché non riusciamo a far pace con la finitudine nostra. Basta.

…che di questa giovinezza, proprio non se ne poteva più.

PS
Qualche anno fa in questo stesso blog ho pubblicato un post intitolato “Non farò il prof”. Era una cazzata, darling.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...