Thinking of.

Lessi questo libro che ero all’università. Era la fine di dicembre, e lo buttai giù tutto d’un fiato una notte, seduto in cucina, mentre la mia famiglia dormiva.
Lo stesso anno comprai rapido in stazione le Cinque storie ferraresi, perché all’epoca si leggeva ancora in treno andando a Padova.
Non ho mai smesso di pensare a lei, da allora.

E comunque il tono drammatico delle mamme, che sciagura.

Oggi ho parlato del tema del mare nei Malavoglia, e poi del mare del vecchio Santiago, e poi del mare del capitano Achab e di Ismael, e sono tre mari diversi ma uguali.
Parlerò del mare di Montale, tra poco.

Per tornare al giardino, quando ero bambino, d’estate mia madre spediva me e mia sorella in montagna a fare un po’ di vita campestre e io giocavo tutto il giorno con mia cugina, non volevo dormire e mangiavo lamponi selvatici. Lei racchiude tutte queste sensazioni. 

[…] prima di toccare terra, le mancò un appoggio e scivolò. Cadde in piedi. Ma si era fatta male alle dita di una mano. Inoltre, strusciando contro il muro, il vestito di tela rosa, da mare, le si era sdrucito leggermente sotto un’ascella.
«Che stupida» brontolò, portando la mano alla bocca e soffiandoci sopra. «È la
prima volta che mi succede.»
Si era anche sbucciata un ginocchio. Tirò su un lembo del vestito fino a scoprire la coscia stranamente bianca e forte, già da donna, e si chinò a esaminare l’abrasione. Due lunghe ciocche bionde, di quelle più chiare, sfuggite al cerchietto di cui si serviva per tenere a posto i capelli, ricaddero in giù, a nasconderle la fronte e gli occhi.
«Che stupida» ripeté.
«Ci vuole dell’alcool» dissi io meccanicamente, senza avvicinarmi, nel tono un po’ lamentoso che adoperavamo tutti, in famiglia, in circostanze del genere.
«Macché alcool.»
Leccò rapida la ferita: una specie di piccolo bacio affettuoso; e subito si drizzò.
«Vieni» disse, tutta rossa e scarmigliata.

G. Bassani, “Il giardino dei Finzi-Contini”

Time to fall asleep.

So, good night unto you all.
Give me your hands, if we be friends,
And Robin shall restore amends.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...