Il mistero della foto in biblioteca (Diario veronese estivo)

img_20180718_161003

Considerazioni casuali, estemporanee e sconnesse sugli ultimi giorni, ovvero cose che faccio vedendo gente:

1- In biblioteca civica c’è un energumeno della “sicurezza” che gironzola con fare guardingo fra i volumi. Il passo è pesante e il pavimento ligneo del terzo piano scricchiola; ha una pistola nel fodero la cui canna beccheggia secondo i movimenti delle sue anche. Mi guarda mentre studio e mi inquieta.
Se davvero abbiamo bisogno di un tizio armato in questo luogo, il disagio della civiltà è allo zenit.

2- Mi basta poco per essere felice, ad esempio ho escogitato un ingegnoso (secondo me) metodo per fondere tra di loro con l’acqua calda le saponette nuove con i frammenti di quelle vecchie ormai inutilizzabili. Non ne potevo più di tutti quegli ossi di seppia profumati in giro per il bagno. Non buttandoli via godo di un’armonia panica con la natura stile San Francesco d’Assisi che ammansisce i lupi. Sì, tendo a sopravvalutare la quotidianità.

3- L’altro ieri un tizio ha strombazzato furiosamente il clacson dietro di me perché mi è morta la macchina. Immagino credesse che la sua aggressività mi avrebbe fatto girare la chiave più rapidamente.
(La macchina è di mia sorella, la quale pretende addirittura che io getti i sacchetti vuoti di mandorle che consumo a bordo. Anche le mandorle sono sue)

4- Qualche sera fa ho visto un ragazzo che in maniera estremamente gentile chiedeva a delle ragazze se poteva offrir loro qualcosa da bere, secondo il più classico degli approcci. Le suddette l’hanno squadrato come fosse stato un alieno pericoloso per l’umanità intera. Mi è dispiaciuto, almeno due chiacchiere falle.
P.S. giuro che il ragazzo in questione non sono io, giuro. Io ero con Simone e parlavamo di motociclette, bici, contrabbassi e fori alle orecchie.

5- Continuo, quasi quotidianamente, a prendere pioggia. Arrivo a casa che so di cane selvatico delle praterie. Continuo, quasi quotidianamente, ad asciugare con mezzi di fortuna la pioggia sul pavimento del bagno, visto che dimentico sempre l’abbaino aperto.

6- Ho acquistato degli occhiali da sole grazie ai quali mi sento estremamente cool
salvo poi non poterli indossare perché sono miope come una talpa.

7- Da un po’ di tempo sto leggendo Michele Mari, perché uno che scrive una raccolta di poesie dedicate all’amore mai davvero sbocciato per una compagna del liceo mi incuriosiva. In Tutto il ferro della Tour Eiffel, preso in biblioteca, ho trovato la foto di un tramonto. Qualcuno l’ha lasciata fra le pagine. Queste cose mi fanno impazzire, mi appaiono come risibili magie urbane.
Autore dello scatto, se mi stai leggendo, ti rendo la foto volentieri, altrimenti la lascio nel libro e altri come me godranno della sua appropriata presenza.

8- Sto ascoltando con estrema voluttà la seconda jazz suite di Dimitri Shostakovitch; adoro la sua capacità di parodiare il mondo dei valzer che nel 1938 si era già accartocciato su sé stesso come un gigante dai piedi d’argilla. Trovo ironico che la trasposizione nella contemporaneità di questa suite sia stata a cura di Stanley Kubrick in Eyes wide shut: quando inizia il secondo valzer mi vedo già Nicole Kidman nel bagno della sua meravigliosa casa di New York. La Vienna di Arthur Schnitzler, Sigmund Freud e Karl Kraus non è poi così diversa dalla New York degli anni ’90 fra crack e oppiacei.

9- Mi avviliscono e mi inquietano i segni neri come il carbone che restano sul marmo delle fontane su cui l’acqua non scorre, o sugli anfratti di pietra non lambiti dalle piogge.

10- Stamattina ho messo via il barattolo del caffè salvo poi riaprirlo perché non l’avevo sniffato a sufficienza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...